Pozzallo – Proseguono gli sbarchi: 265 migranti a bordo di più natanti. Fermati 4 scafisti grazie alle testimonianze dei passeggeri

sbarchi-agosto-17Hanno 19, 23, 27 e 34 anni e sono del Ghana e del Gambia i quattro migranti accusati di favoreggiamento dell’immigrazione clandestina. Sono ritenuti dalle forze del’ordine i responsabili dello sbarco di 265 persone avvenuto venerdì mattina al porto di Pozzallo dove il gruppo è arrivato a bordo della nave Aquarius.

Sono stati salvati nell’arco di tre interventi SAR , tre soccorsi a mare distinti a circa 30 miglia dalle coste libiche e a bordo di tre natanti.

Gli scafisti sono stati incastrati dalle testimonianze degli immigrati che sono stati ascoltati dalla polizia giudiziaria nell’hot spot di Pozzallo.

Gli immigrati hanno raccontato di avere viaggiato su diverse imbarcazioni: barche in legno con 7 migranti a bordo, gommoni ed ancora barche di piccole dimensioni con 20 persone come passeggeri. Gli investigatori si sono suddivisi in più team riuscendo a individuare gli scafisti responsabili di aver condotto le imbarcazioni fino al punto in cui sono stati soccorsi. Al termine dell’escussione dei testimoni è stato possibile raccogliere fondamentali fonti di prova a carico dei fermati. Al termine delle indagini, gli scafisti sono stati associati presso la casa circondariale di Ragusa.

Nel 2017sono 74 gli scafisti fermati in provincia di Ragusa, tra cui 6 minori; 200i fermati del 2016 con 29 minori.

Nel 2017 presso l’Hot Spot di Pozzallo hanno già fatto ingresso10.065in occasione di 29 approdi; nel 2016 erano arrivati 18.488 migranti in occasione di 56 sbarchi.

Viviana Sammito

 

0 Comments

You can be the first one to leave a comment.

Leave a Comment

 
 



 

Vertical Slideshow

Visite

  • 301 Moved Permanently
» wp.com stats helper

Nove & NoveTV

Iscritta presso il tribunale di Modica, n° di Iscrizione 2/2010.

Direttore Responsabile Carmelo Riccotti La Rocca.
Responsabile generale NoveTv, Giovanni Giannone

 
Testata iscritta presso il Tribunale di Modica,al n. 2/2010. Direttore Responsabile Carmelo Riccotti La Rocca