Operazione “BLADE”. Catturato pericoloso albanese, armato di pistola e pronto a far fuoco

OISELa Polizia di Stato – Squadra Mobile e Commissariato di Modica – ieri ha proceduto all’esecuzione di 14 delle 17 misure cautelari in carcere così come già ampiamente descritto.

Ieri, uno dei destinatari del mandato di cattura, PRENCE Odise di origini albanesi, veniva scovato, grazie alle attività d’indagine della Squadra Mobile e del Commissariato di Modica, nel comune di Marino (RM).

I continui contatti con gli uomini della Polizia di Stato della Sezione investigativa del locale Commissariato di Marino, hanno permesso di trovare riscontro sul territorio romano per l’individuazione del catturando.

I poliziotti che dovevano ricercare il soggetto albanese destinatario della cattura erano stati informati dagli investigatori iblei della pericolosità del catturando.

Sin dalla notte dell’esecuzione, Prence aveva cambiato appartamento, abitudine che aveva anche durante il periodo in cui era intercettato poiché temeva che la Polizia lo potesse arrestare da un momento all’altro.

Nonostante il tentativo di sfuggire alla cattura, Prence veniva individuato grazie alla conoscenza del territorio dei poliziotti di Marino (RM).

Giunti presso la nuova abitazione, i poliziotti cinturavano la zona, conoscendo la pericolosità del soggetto da catturare.

Non appena davanti la porta dell’appartamento, si procedeva al blitz che doveva essere rapido e d’impatto per evitare reazioni del catturando.

In pochi secondi all’intero della casa c’erano 8 poliziotti che lo bloccavano; la perquisizione dava esito positivo, l’uomo era in possesso di una pistola, modello revolver, pronta a far fuoco e con decine di munizioni a disposizione.

Dagli accertamenti informatici presso la banca dati delle armi da sparo, si appurava che l’arma fosse di provenienza furtiva, pertanto Prence veniva arresto in flagranza di reato per la detenzione di arma illegale.

I poliziotti poi, notificavano anche l’ordine di esecuzione della misura cautelare in carcere nell’ambito della ampiamente descritta operazione “BLADE”.

Prence, durante il periodo delle indagini, si occupava degli approvvigionamenti di stupefacente dal comune capitolino a Ragusa; successivamente la droga veniva ulteriormente ripartita nella provincia iblea.

“La Polizia di Stato durante le operazioni di cattura di soggetti così pericolosi, adotta ogni cautela per preservare l’incolumità di eventuali soggetti estranei ai fatti reato (parenti e vicini di casa ad esempio) e dei poliziotti inviati in missione per i blitz”.

Oggi avranno inizio gli interrogatori presso gli istituti di pena dove sono associati tutti gli indagati ad eccezione di una delle donne scarcerata perché ha un figlio neonato.

 

0 Comments

You can be the first one to leave a comment.

Leave a Comment

 
 



 

Vertical Slideshow

Visite

  • 301 Moved Permanently
» wp.com stats helper

Nove & NoveTV

Iscritta presso il tribunale di Modica, n° di Iscrizione 2/2010.

Direttore Responsabile Carmelo Riccotti La Rocca.
Responsabile generale NoveTv, Giovanni Giannone

 
Testata iscritta presso il Tribunale di Modica,al n. 2/2010. Direttore Responsabile Carmelo Riccotti La Rocca