È finito nuovamente nei guai un monterossano che da qualche anno è in continua lite con la sorella. Numerose le querele che i due si sono indirizzati a vicenda e gli episodi per i quali i militari della Stazione sono dovuti intervenire. Episodi che talvolta sono culminati in violenza e durante i quali la donna ha subito delle lesioni, l’ultimo grave episodio risaliva all’inizio di agosto quando l’uomo era stato peraltro arrestato in flagranza. A quell’arresto il GIP aveva fatto seguire il divieto di dimora nel Comune di Monterosso nonchè di avvicinamento alla sorella in quanto persona offesa, nella benevola previsione che l’uomo andasse a vivere a Giarratana dove ha la disponibilità di un’altra abitazione. In realtà, a spregio delle conseguenze, l’uomo non ha ottemperato ai divieti restando a vivere a Monterosso, peraltro nello stesso stabile in cui lui vive a piano terra e la sorella al primo piano.

Anche nelle ultime settimane la convivenza dei due consanguinei non è stata pacifica ed almeno in un paio di occasioni è stato richiesto l’intervento dei militari che hanno indirizzato al giudice una richiesta di aggravamento della misura, stante la pericolosità dell’uomo, talvolta incline ad usare violenza contro le persone e le cose. Giovedì il GIP, concordando con tutti gli elementi che i militari della Stazione di Monterosso avevano raccolto e trasmesso,  ha emesso quindi un’ordinanza di custodia cautelare in carcere nei confronti dell’uomo che è stato subito arrestato e tradotto in carcere a Ragusa.

A carico dell’uomo anche il Questore di Ragusa, su proposta della Stazione Carabinieri di Monterosso, aveva emesso la misura di prevenzione dell’avviso orale che, il caso ha voluto, gli fosse stato notificato il giorno prima di finire in carcere.