cs-la-festa-dei-museiLa seconda edizione della festa dei Musei 2017 a Modica è vissuta come un fatto unico.

Tutta la città è coinvolta e non solo il suo patrimonio architettonico d’inestimabile valore ma mettendo in campo tutte le risorse artistiche che essa sa esprimere.

Sarà un caleidoscopio di musica, di recitazione, di dibattiti e dialoghi che toccheranno i siti più suggestivi della città con le guide delle scuole, per l’evento “La Scuola adotta un Museo”, per un giorno: sabato 20 maggio 2017.

Undici i siti aperti con ingresso gratuito: il Museo Civico “Belgiorno”, il Museo del Cioccolato dove si degusteranno oltre il cioccolato, anche i cannoli di ricotta, il moscato di Noto e le grappe, la Stanza della Poesia, Santa Maria del Gesù, Casa Quasimodo, il Museo Campailla, il Teatro Garibaldi, la chiesetta bizantina di S. Nicolò Inferiore, il campanile di San Giorgio e la mostra degli “arnesi di una volta”. Sarà aperto anche il Museo della Scienza e della Tecnica dell’ITC “Archimede” di Modica lo storico istituto, quest’anno ha celebrato i 150 anni dalla fondazione, che molte generazioni di persone e appassionati non hanno avuto modo di conoscere.

Il claim della Festa dei Musei 2017, promosso dal Ministero dei Beni e delle Attività Culturali e del Turismo, è “Musei in Contest: raccontare l’indicibile nei musei”.

Narrare il patrimonio materiale e immateriale, anche quello poco noto che va ancora illustrato e reso visibile.

“La città festeggia i propri musei per una festa che è tutta della città, commenta il prof. Giovanni Di Stefano, direttore onorario del Museo  Civico “Belgiorno”, in quanto per una volta si mettono insieme tutte le espressioni museali”.

L’apertura ufficiale della festa dei Musei 2017 si avrà alle 18.30 nelle scalinate di San Pietro con gli studenti del Liceo musicale Verga che eseguiranno l’inno nazionale. E poi alle 19.00 la Banda musicale “Città di Modica” Belluardo – Risadelli, diretti dal maestro Corrado Civello, che percorrerà suonando il tratto dal Piazzo sino a Santa Maria del Gesù.

Alle 19.30 al Palazzo degli studi il concerto “Emozioni” dell’Istituto Galilei Campailla di Modica e infine alle 21.30 al Palazzo della Cultura il coro polifonico Claudio Monteverdi diretto al maestro Orazio Baglieri  con al piano il maestro Gianluca Abbate.

“Con la Festa dei Musei 2017 si promuove  tutta la città, dichiara il sindaco Ignazio Abbate, insieme al suo ricco movimento culturale che farà un tutt’uno del suo patrimonio architettonico, la scuola, la musica, l’arte, il coro, l’antichità nell’ uso di strumenti quotidiani, quindi costume e degustazioni. Anche il sito di Cava Ispica sarà coinvolto in questa operazione che vede protagonista il Movimento Azzurro”.

Secondo l’assessore l’ assessore Orazio Di Giacomo è questa una bella occasione perché la cultura sostiene la città e lo farà anche con gli studenti che faranno da ciceroni nei vari musei ad accompagnare il pubblico.

E in tema i siti culturali, Francesco Frasca Polara presidente del Consorzio Turistico di Modica, conferma che sono una base fondamentale per consolidare e rilanciare il turismo in città. I segnali già oggi sono incoraggianti per la bella stagione che è alle porte in termini di presenze e di consenso.

Alla conferenza stampa erano presenti: il sindaco, l’assessore alla cultura Orazio Di Giacomo, il direttore onorario del Museo Civico, prof. Giovanni Di Stefano, il presidente del CTM, Francesco Frasca Polara e il direttore del CTCM, Nino Scivoletto.