“Quello della disabilità è un tema focale per la società -afferma la parlamentare del M5S Marialucia Lorefice-. La politica non può esimersi dal trovare delle soluzioni che mettano tutti i cittadini in condizione di avere gli stessi diritti garantiti.

I dati dell’Osservatorio nazionale sulla Salute nelle regioni italiane non sono per nulla confortanti. Nella provincia di Ragusa neppure. Ne sono un esempio lampante gli studenti disabili al fianco dei quali, con le loro famiglie, ogni anno combattiamo la stessa battaglia relativamente all’assistenza e al trasporto scolastici. Continua a prevalere un certo immobilismo nei confronti di un tema così importante.

Ieri -prosegue la parlamentare- ho avuto modo di prendere parte al consiglio comunale aperto, che si è tenuto a Modica, sul tema della disabilità. Di certo un momento per dibattere ed elaborare proposte in occasione della giornata internazionale della disabilità.

Purtroppo ben poco si può fare se mancano i fondi, se i Governi regionale e nazionale non comprendono che bisogna fare di più e subito per scongiurare l’emarginazione delle persone con disabilità dalla società. Altro che la tanto decantata inclusione sociale della quale si pregia l’attuale Governo nazionale. L’impegno economico delle istituzioni è  fondamentale per abbattere tanto le barriere fisiche quanto quelle per così dire ‘invisibili’, cioè quelle sociali, stereotipi e pregiudizi.

Se non ci si rende conto di questo, i Comuni e le province continueranno, ogni anno, a reclamare risorse per poter garantire i servizi essenziali, che nella migliore delle ipotesi oggi possono garantire col contagocce.

Senza fondi, altro esempio, è impossibile aiutare chi  ha bisogno di assistenza domiciliare h24.

Con i colleghi della Commissione Affari Sociali -evidenzia la parlamentare Lorefice-  in questi anni di attività parlamentare abbiamo molto spesso affrontato le problematiche inerenti alla disabilità, abbiamo chiesto attenzione e soluzione alle problematiche segnalate sul territorio. Lo faremo ancora, a breve,  nella legge di bilancio che è appena arrivata alla Camera.”