Si è conclusa ieri la due giorni “Donare per continuare a Vivere” ad Ispica, in piazza dell’Unità d’Italia, dedicata al ricordo di Francesco Campailla e presentata da Giovanni Giannone. Forse troppo poco il tempo dedicato a un importante e delicato argomento quale la donazione degli organi, ma certamente di forte impatto e coinvolgimento, grazie anche agli ospiti, le risate e l’intrattenimento dedicato non solo ai grandi, ma anche ai più piccoli. Un modo “leggero” per ricordare quanto un gesto così semplice, forse impensabile nella frenetica vita di tutti i giorni, possa invece cambiare l’esistenza di qualcuno che vive aspettando una telefonata, quasi come fosse un miracolo.




L’evento è stato organizzato dalla o.n.l.u.s “Il Dono di Francesco”, che si impegna a diffondere l’importanza della donazione di organi e tessuti. Rossella Rustico, la moglie, è testimone portante di questo messaggio, permettendo, grazie a Francesco e al suo coraggio, di salvare la vita a cinque persone. L’evento è iniziato sabato, con un pomeriggio dedicato ai più piccoli, con laboratori in cui rappresentare, con poesie disegni recite e canto, il significato di “dono”.  Successivamente, il racconto di Rossella che ha spiegato come è nata l’associazione e i grandi risultati raggiunti. E ancora la storia di un papà, Maurizio Pluchino, che ha pregato per 21 giorni al capezzale del figlio Damiano, affinché qualcuno gli donasse dei polmoni che gli permettessero di respirare e vivere, e che purtroppo non sono mai arrivati. Anche lui oggi lotta ogni giorno per diffondere l’importante messaggio in comune con Rossella, e raccogliere quante più adesioni possibili.  Dopo tanta commozione però, anche un po’ di risate con lo spettacolo di Carlo Kaneba, anche lui sul palco per sottolineare l’importante messaggio sulla donazione.

Ieri, domenica 19 maggio, la seconda giornata dell’evento, iniziata con la “Prima marcia per la vita”, partita alle 10 da piazza dell’Unità d’Italia. Grande l’adesione e la partecipazione, con più di 400 magliette vendute. E ancora tanta animazione e intrattenimento per grandi e piccini, con gli Artisti di strada e cinque sketch a cura del “Nuovo Teatro Popolare di Ispica”.  A chiudere la serata un altro momento di alta comicità con Mariuccia Cannata, e i ringraziamenti della presidente dell’associazione “Il dono di Francesco”, Rossella Rustico, a tutti coloro che hanno contribuito alla realizzazione di un così ben riuscito evento. 

Un argomento così importante di cui è difficile discutere in soli due giorni, ma che è stato affrontato così bene, coinvolgendo grandi e piccini, da diventare un tassello ben saldato per far sì che la donazione degli organi non sia un tabù da affrontare solo quando la vita ti pone davanti ad una scelta, ma una realtà di cui poter prendere atto e deciderne con serenità. Perché, in fondo, il messaggio è già chiaro nel nome dell’ evento: “Donare per continuare a vivere”.

Natasha Gambuzza