incidente ciclista 1Incidente stradale ieri mattina intorno alle ore 10 a Marina di Ragusa. Un’auto ha travolto due ciclisti che assieme a un nutrito gruppo stavano attraversando la trafficata arteria stradale Playa Grande-Marina di Ragusa.

Sul posto l’ambulanza del 118 che ha trasportato i due feriti al pronto soccorso.

Non è chiara la dinamica dell’incidente, forse una svista dell’automobilista o una manovra improvvisa di un ciclista.

Purtroppo sempre più spesso a causa dell’aumento di ciclisti nelle strade, si verificano questi incidenti. Spesso i ciclisti non rispettano semafori o stop per non sganciare la scarpa dai pedali e molto spesso, non rispettano le norme di circolazione stradale. Pochi infatti sanno che:

Nei centri abitati i ciclisti possono circolare affiancati (massimo in 2) a meno che le condizioni di traffico e strada non lo consentano (per esempio strada stretta o intenso traffico ecc). Fuori dai centri abitati invece bisogna sempre disporsi in un’unica fila. L’unico caso nel quale si può stare affiancati anche fuori dai centri abitati è quando alla destra del ciclista ci sia un ragazzo di massimo 10 anni. Non si ritengono affiancati però 2 ciclisti se uno dei due è al di là della linea di margine. Ovviamente alle norme previste dal codice bisogna aggiungere le cautele dettate dal buon senso e dalla considerazione che i ciclisti sono utenti deboli della strada e spesso vengono coinvolti in incidenti anche gravi. Il consiglio che ci sentiamo di dare ovviamente è quello di disporsi comunque su un’unica fila anche nei centri abitati!

Le statistiche sull’incidentalità dei ciclisti – se si guardano i dati nazionali – sono davvero impressionanti. Certo saremmo tutti più tranquilli su piste ciclabili davvero sicure o su strade adeguatamente asfaltate e non dover slalomeggiare fra le buche.

 

Foto: repertorio NoveTv