Controlli anti droga da parte dei carabinieri delle compagnie di Ragusa e Modica che hanno arrestato tre persone e hanno denunciato due minorenni.

Gli arresti sono stati portati a termine a Pozzallo e a Ragusa.

Tutti i dettagli sono stati forniti questa mattina in conferenza stampa al comando provinciale dei carabinieri.

La droga è sempre più di uso frequente tra i giovani che pensano di potere fare soldi facili con le attività illecite,  e credendo di rimanere impuniti. I carabinieri delle compagnie di Modica e Ragusa hanno effettuato due distinte operazioni anti droga tra Ragusa e Pozzallo arrestando tre giovani per detenzione ai fini dello spaccio e denunciando altre due personale per l’uso personale. Ieri pomeriggio in via Zama è arrivata la pattuglia e un gruppo di giovani ha fatto perdere le tracce ma i militari sono riusciti a fermarne tre.

Il più grande, un 19enne, già noto alle forze dell’ordine per spaccio di droga, è stato trovato con 8 dosi di marijuana pronte per lo spaccio ed era in compagnia del fratello minore che ha solo 17 anni e che aveva con sé 330euro, sicuro provento dell’attività di spaccio del pomeriggio. Il terzo ragazzo, anch’egli 17enne aveva altre 7 dosi di marijuana ed in casa è stato trovato il bilancino di precisione. Per il maggiorenne sono scattate le manette ed è stato posto ai domiciliari. I minori sono stati denunciati.

drogapozzallo 17 dicLa seconda operazione è stata portata a termine dai carabinieri di Pozzallo e Marina di Modica. In manette sono finiti due pozzallesi di 18 e 19 anni mentre passeggiavano vicino a una sala giochi con fare sospetto. I militari li hanno perquisiti: all’arrivo dei carabinieri, il 18enne ha tentato di nascondere l’involucro contenente la droga sotto un’auto in sosta che è stato recuperato dai carabinieri: conteneva 25 grammi di marijuana, 20 di hashish. In possesso del 18enne sono anche stati rivenuti 320 euro, guadagnati spacciando, e un bilancino di precisione. Nel corso della perquisizione personale, lo stesso aveva addosso altri 4 grammi di marijuana, mentre il 19enne al 5 grammi nascosti negli slip.

I due sono stati arrestai e posti agli arresti domiciliari. Continuano le indagini per individuare il canale di approvvigionamento della droga e soprattutto vanno avanti i controlli al fine di prevenire e reprimere lo spaccio di droga. La settimana scorsa i carabinieri sempre a Pozzallo, nella villa comunale  avevano arrestato un altro 18enne che aveva gettati in mare un sacchettino contente la droga dopo avere notato i militari. Durante la perquisizione il giovane aveva anche opposto resistenza ferendo un carabiniere. Il giovane, con il patteggiamento, è stato condannato a un anno e sei mesi, pena sospesa.

Viviana Sammito