Home » Intrattenimento » Punti di Svista

  • Candido come la Neve

    Candido come la Neve

    Don’t eat the yellow snow!, avvertiva Frank Zappa nel 1974. Resto fermo a fissare il giallume apparso d’un tratto dinanzi a me, come una macchia sulla neve, e non nascondo di sentire una perversa e disgustosa bramosia che dovrebbe in teoria indurmi a leccare la stretta e circolare area interessata dalla colorazione anomala, alterazione del candore preteso. Perché? Sostengo che tale smaniosa tentazione sia parte di quelle irregolari pulsioni pertinenti all’irrefrenabile semi-subconscio masochista. Cosa resta? Slittare lentamente con gli scarponcini […]

    Leggi tutto »

  • passiamu fora zona (Bitonto) 20-12-2016

    passiamu fora zona (Bitonto) 20-12-2016

    Si tratta di una sorta di laico pellegrinaggio, ma non posso nascondere che vi sia da parte mia una sorta di attesa d’altro, non di religioso ma perlomeno di funzionale all’ascesi mistica; questo cerco nell’ossequio dei miei rituali. Tra tali pratiche ripetitive, il caffè al Bar dello Studente di Bitonto (quest’anno un po’ bruciato), e la visita all’antica cattedrale. Mi sono dunque incamminato, affianco a mio padre che quasi atteggiavo a un Virgilio, entrambi pressoché in silenzio, intenti ad osservare, […]

    Leggi tutto »

  • Comunicato della Sezione Stalinista di Cavalarica

    Comunicato della Sezione Stalinista di Cavalarica

    Comunicato della Sezione Stalinista di Cavalarica, in occasione dell’Assemblea Cittadina del PCI prevista per il 22 Dicembre. Compagni carissimi, priviet a tutti! Purtroppo a causa di una serie di contingenze in qualche modo legate alla luminosa prospettiva internazionalista (sarò in viaggio!), mi rammarico di dover comunicare che non potrò prendere parte all’Assemblea cittadina del PCI, indetta per la giornata del 22 Dicembre. Ciò non di meno, in qualità di rappresentante unico della gloriosa sezione stalinista di Cavalarica, voglio partecipare con […]

    Leggi tutto »

  •  
  • passiamu #12 (Finale)

    passiamu #12 (Finale)

    È Natale, tempo di serenità e altro bla bla bla… Cosa si fa nel periodo di festa? Si gioca a carte! Sì, ma non solo, spero… Qual è l’aspetto più rilevante da tenere in considerazione accuratamente, in tali circostanze? Il divenir d’un tratto più buoni? No, non ci riusciamo, finiamola con le ipocrisie. Allora i regali? Abbiamo tutto e di tutto!, ancora regali volete farci? E quindi, che rimane? Ma è chiaro, diamine, quello più importante è l’aspetto culinario. D’altro […]

    Leggi tutto »

  • Alberi e Uomini

    Alberi e Uomini

    “Eravamo tristi altre volte al pensiero che la razza dei giganti fosse scomparsa…” (Alberto Savinio) Starei ore a guardare i rami di un albero, che sia un sempreverde o che muti vestito al trascorrere delle stagioni. Mi affascinano le architetture delle piante più semplici, che vi sia o meno un qualche tipo di coronamento floreale. E provo gran timore alla vista dei bulbi quando, per qualche caso, per una evenienza incidentale precedente alla mia percezione, capita di trovarne qualcuno fuori […]

    Leggi tutto »

  • Notte fonda!

    Notte fonda!

    Ieri notte mi sono svegliato di soprassalto al pensiero che il prossimo sindaco di Scicli potrebbe non conoscere Charlie Parker, o non aver mai ascoltato Schubert. Nel dormiveglia ho anche giustificato una simile balzana questione, sotto il piano della sensibilità artistica da rilevare, della necessaria conoscenza della storia estetica richiesta, imprescindibile oggi che tanto si parla – forse a vanvera – di “bellezza”, e – data ad esempio la figura del sassofonista menzionato, nel suo miserevole circostante ambientale di disagio […]

    Leggi tutto »

  •  
  • Tra essere e non essere, il divenire

    Tra essere e non essere, il divenire

    Quanto più mi capita di addentrarmi, di volta in volta, nell’orbita delle due sfere che costituiscono i corpi celesti di cui sono satellite, tanto più mi sento di dovermene allontanare. Il mondo del reale (o per meglio dire, quello che si percepisce “esistente”) e quello delle idee (rifugio dalle bruttezze percepite dai sensi), Solari lamine di luce e Lunari bagliori rischiarano i sentieri tortuosi di ognuno di noi. Se mi è concesso attualizzare, voglio confessare – forse a me stesso […]

    Leggi tutto »

  • Sulla Dignità di Beethoven

    Sulla Dignità di Beethoven

    Quando poco dopo l’attacco del quarto movimento fa capolino per la prima volta il motivetto dell’Inno alla Gioia, ciò accade del tutto inaspettatamente. Con la delicatezza di un pensiero che passa per la testa, mentre si passeggia su qualche affollata strasse, sbadatamente guardando di qua e di là, considerando i volti e immaginando i pensieri dei passanti. Il pensiero sopraggiunto nella mischia è interessante, sì, ma occorre soffermarsi e rimuginargli attorno, per svilupparlo, e far sì che divenga il tema […]

    Leggi tutto »

  • passiamu #11 Novembre – degli accordi elettorali

    passiamu #11 Novembre – degli accordi elettorali

    Kore – quasi una conterranea – per la sua imprudenza ci ha privato dell’eterna bella stagione. Che bisogno c’era, per lei che era figlia di Dea, Dea lei stessa, di toccare quel cibo dei morti? Rapita e piangente per giorni e giorni, finalmente scovata dall’altrettanto disperata Madre, non poté con ella risalire in superficie, proprio per quell’errore fatidico, un vero e proprio peccato originale. E in fondo niente aveva assaggiato dei piatti sontuosi che Ade il rapitore gli aveva offerto, […]

    Leggi tutto »

  •  
  • Da Fontamara alla Società Liquida

    Da Fontamara alla Società Liquida

    Giorno 8 Novembre, alle ore 18:30, presso la Libreria don Chisciotte, discussione di gruppo di Fontamara. Il Gruppo di Lettura di Scicli invita alla partecipazione tutti gli amanti della lettura.   “All’entrata di Fontamara, sotto una macera di sassi, sgorga una povera polla d’acqua, simile a un pozzanghera. Dopo alcuni passi, l’acqua scava un buco, sparisce nella terra pietrosa, e riappare ai piedi della collina, più abbondante, in forma di ruscello. Prima di avviarsi verso il piano, il ruscello col […]

    Leggi tutto »

  • Lo scifo e la lancia

    Lo scifo e la lancia

    Chissà quante e quali più realistiche ragioni avrei potuto sforzarmi di trovare, infine, a cagione di uno skyphos di pietra e una roccia oblunga disposta in verticale; disposti, entrambi a circostanziare il mio sguardo, nella stessa area, peraltro ormai da tempo disabitata. Ci sono delle ragioni logiche, specifiche, per ognuna di queste entità materiali. Se per lo scifo neanche più di tanto occorre sforzarsi, poiché una poco distante vetusta abitazione in rovina segnala un focolare in epoche di ruralità accentuate; […]

    Leggi tutto »

  • passiamu #10 Ottobre – Dei Ricordi

    passiamu #10 Ottobre – Dei Ricordi

    Vado per boschi, in autunno. Forse fa parte del mio graduale modo di riavvicinarmi alla città dopo la fuga estiva, quasi un girarvi attorno in effetti. Cerco, da ignavo qual sono, di tardare fin che posso l’impatto doloroso. Questa mia repulsione, che sia chiaro, nessuno la addebiti all’oggetto in se stesso. Non ho problemi con l’idea della urbanità, e della vita civile. Anzi, tutt’altro! Sono orgogliosamente figlio del Novecento, e ho subito (forse anche piacevolmente) l’indottrinamento ideologico che lo permeava […]

    Leggi tutto »

  •  
  • Elogio della Banda musicale di Scicli – una giornata all’Open Day

    Elogio della Banda musicale di Scicli – una giornata all’Open Day

    Festa di paese e banda musicale; il binomio fa parte di una necessaria e ineludibile dialettica dell’immaginario di ogni buon socio urbanizzato. O per meglio dire, di quel cittadino che è ancora figlio del gran Novecento, secolo di orrori ma anche di grande progressi civili. La Banda di paese è la colonna sonora delle commemorazioni, e degli eventi legati alle tradizioni, in generale. Mahler diceva che tradizione non è culto delle ceneri, ma custodia del fuoco, e se questo è […]

    Leggi tutto »

  • Discorsi Futili: da Benigni al “Furioso”, passando per le “Amministrative”

    Discorsi Futili: da Benigni al “Furioso”, passando per le “Amministrative”

      Mi sono pacatamente indignato, ma io – intendiamoci – sono uno che si indigna per cose futili (è per via del fatto che mi interesso solo di cose futili, come sarà chiaro a tutti, alla fine di questo articolo), o quanto meno per cose che molto spesso anche agli altri appaiono futili. Per cosa mi sono indignato è presto detto. Certo non per la miracolosa svolta reazionaria di Benigni, dato di fatto conclamato da tempo, e infine riaffermato con […]

    Leggi tutto »

  • La Zattera di Pietra – nuovi appuntamenti con il Gruppo di Lettura

    La Zattera di Pietra – nuovi appuntamenti con il Gruppo di Lettura

    Inizia Mercoledì prossimo (domani) un nuovo ciclo annuale per il gruppo di lettura. In occasione di questa piacevole e ormai circolare ricorrenza (non tengo il conto degli anni, credo di aver dimenticato anche il numero dei miei, tanto non mi risultano importanti), ho rispolverato una vecchia base scritta che mi è stata utile (in realtà poi, a braccio, seguì altre linee interpretative) per il commento a uno dei romanzi più belli letti nello scorso ciclo annuale del Gruppo: La Zattera […]

    Leggi tutto »

  •  
  • passiamu #9 settembre – esse est percipi

    passiamu #9 settembre – esse est percipi

      Per strada, vagolando nella serena ordinarietà, capita talvolta che con la coda dell’occhio si scorgano inaspettatamente cose portentose, cose che per quanto sorprendenti sono molto spesso da intendersi altrettanto impossibili. Non è l’occhio attento, inquisitore, ma quello della distrazione ad esserne l’interprete, l’ermetico occhio che dal fugace conduce al sogno. E tale conseguenza, ossia il postumo riflesso che produce il grande architetto di idee, sovente non è da attribuire all’eventuale grandiosa emozione sensitiva causata dall’absurdum che si imprime in […]

    Leggi tutto »

  • Invecchiare leggendo fumetti

    Invecchiare leggendo fumetti

    Sono un buon lettore di fumetti, di ogni tipo (no graphic novel, preciso. Sono ancora legato alla novella scritta). Sono anche convinto che nella apparente semplicità dei fumetti, per adulti o per giovani e giovanissimi, si possa cogliere qualcosa di quello “spirito del tempo” che tanto pericolosamente è stato più volte interpretato nelle fasi più nefande della storia umana. Intendiamoci, cerco di interpretarlo anch’io, ma certamente non per ergermi a Fuhrer di un qualche popolo. Invece provo – più alla […]

    Leggi tutto »

  • passiamu #8 Agosto

    passiamu #8 Agosto

    Siamo andati sin là su, alla piazza, per la paura di non riuscire a sentire, da sotto, l’odore della notte che scende. Sulla panchina, sempre guardando alla pizzeria di Gino, da anni ormai chiusa, aspettavamo che cominciasse a circuirci quel tipico profumo di umido che proviene dalle stelle. I bambini, nel frattempo, giravano indisturbati sui tricicli. La pizzeria di Gino è ricorrente nei ricordi miei, essa come la prima nuvola di settembre si presenta ogni volta sempre uguale e un […]

    Leggi tutto »

  •  
  • Tetano, canzoni napoletane e cavalli, ossia “Chi siamo, e dove andiamo?”

    Tetano, canzoni napoletane e cavalli, ossia “Chi siamo, e dove andiamo?”

    Certo, che Scicli non fosse il paradiso di coloro che catalogano le personali preferenze musicali tra Bela Bartok e Kamasi Washington lo si sapeva, come del resto è chiaro che il sottoscritto non è l’ultimo degli epigoni di Pietro Citati, tuttavia – forse – abbiamo corso seriamente il rischio di convincerci di cose “che non sono”. Senza troppi fronzoli e premesse, abbandonando la seducente retorica della sequela di elenchi in litote – del resto assicuro il lettore che a lungo […]

    Leggi tutto »

  • passiamu #7 Luglio – Verso Cavadexit

    passiamu #7 Luglio – Verso Cavadexit

    Del padre Giove, D(Z)eus superno sovrintendente di tutti noi divi e semidivi in sembianze umane, il mese dedicato inizia il dieci giugno e termina il sette luglio. La festa solstiziale di Giano anticipa di qualche giorno gli onori tributati al quasi omonimo Giovanni – ancora si posticiperanno oltre, negli alti Iblei, i fuochi e i tripudi in gloria al Re della Quercia decapitato, ma – pur nella diversità apparente della tradizione di riferimento – il senso rimane il medesimo nel […]

    Leggi tutto »

  • Le Questioni del Tesserato Chiacchierone

    Le Questioni del Tesserato Chiacchierone

    Mi accingo a partecipare – ciò avverrà nei prossimi giorni – a un’assemblea pubblica del PD; per la precisione indetta da uno dei due circoli cittadini; lo farò con interesse e con un carico di domande retoriche che non attendono necessariamente alcuna risposta verbale. Di fatto, preferirò persino non esprimerle nel corso del consesso, e piuttosto cercherò di ragionarle su queste pagine. Prima di iniziare, avvisando il lettore della lunghezza di questo scritto (ma egli, ne sono certo, già lo […]

    Leggi tutto »

  •  
  • La Cultura di Destra, ovvero “perché si deve leggere il Mein Kampf”

    La Cultura di Destra, ovvero “perché si deve leggere il Mein Kampf”

    Dunque mettiamo subito in chiaro una cosa, se c’è un ambito a cui un nullafacente, di destra o di sinistra, è ben difficile che riesca a sottrarsi, è proprio quello della polemica senza risvolti pratici nell’immediato. È come quel tizio che entra al bar per un caffè e viene invischiato in una discussione sulle ragioni politiche delle imposte immobiliari. Ora, se tale tizio non ha nulla da fare, dialogherà piacevolmente con il resto degli avventori, e finirà per prendere una […]

    Leggi tutto »

  • passiamu #6 – Sonetto di Giugno, o “Del Comodo Vivere”

    passiamu #6 – Sonetto di Giugno, o “Del Comodo Vivere”

    Sonetto di Giugno, o “Del Comodo Vivere” Da frenesia è in mezzo le pieghe avulso colui che siede e sogna. È un destino crudele, rampogna giunta presta da quei d’etterne beghe. Un uno, un, pei danari leghe. Ah, i Danai trovi, risma carogna! Chi opporrà affari ad asta logna? ma io già vengo a mental seghe. E riuscirà infin lieto il fare quando avvenga non inquietando colui il qual non possa o non voglia. A la panchina, e poi alla […]

    Leggi tutto »

  • Nessuno dimentichi Mangiagesso

    Nessuno dimentichi Mangiagesso

    Mangiagesso distrutta, perlomeno in sostanziale misura. La riserva naturale è andata in fumo nei giorni scorsi. Non mi resta che essere lapidario e conciso nella descrizione del dramma. A mio modo di vedere, come ipotesi, le possibili insufficienze dei finanziamenti reperibili (l’unica certezza nell’ambito delle opere pubbliche, in Italia), complici con buone probabilità le sfortunate contingenze economiche che ammorbano il Paese intero, saranno causa di mancati e adeguati lavori di pulitura e ripristino della riserva naturale. Ovvio, io spero che […]

    Leggi tutto »

  •  
  • Storia di mare d’amori e di feci

    Storia di mare d’amori e di feci

    Un nuovo racconto. STORIA DI MARE D’AMORI E DI FECI   Jovem et Junonem et duodecim deos iratos habeat quisquis hic minxerit aut cacarit. Presso un corridoio che conduce alle terme di Traiano in Roma, sono dipinte a fresco due serpi (segnale della presenza di un genius loci) per l’appunto corredate da tale iscrizione in latino. Gli era rimasta impressa quella scritta, al giovane, una delle poche cose notevoli da ricordare della gita scolastica a Roma risalente all’anno precedente; tanto aveva […]

    Leggi tutto »

  • Montalbano, Busacca e Porfirio

    Montalbano, Busacca e Porfirio

    Da qualche tempo i miei amici mi stanno chiedendo – come intimazione amichevole – di non scrivere più di politica. Credo, essendo loro miei amici, che il consiglio sia fondato sulla necessità di evitare inutili sprechi di forze, e conseguenti sforzi in lettura e in scrittura. Codesti miei amici, concedono che io scriva sui temi d’attualità, ma indirizzando le eventuali riflessioni su di un piano letterario. Ciò, in fondo, risulterebbe risoluzione incline al mio grande progetto in fieri, promosso più […]

    Leggi tutto »

  • passiamu #5 (Maggio)

    passiamu #5 (Maggio)

    “Coi piè ristretti e con li occhi passai di là dal fiumicello, per mirare la gran variazion d’i freschi mai” È il Canto XXVIII del Purgatorio; sulle soglie del paradiso terrestre Dante incontra Matelda, ipostasi della originaria, ingenua, umanità arcadica. Gli ultimi cinque canti del Purgatorio si realizzano nella visione edenica, in tutta l’amena mollezza e piacevolezza primaverile (l’esistente circostante come giardino, locus amoenus), dunque qualche attimo prima del passaggio al vero e proprio percorso superiore, l’ultimo a rigor di […]

    Leggi tutto »

  •  
  • Contro la Serietà

    Contro la Serietà

    Si aspira dunque alla serietà?  Come fine, allora, oppure come mezzo? Dismessa subito l’idea che alla serietà come fine si possa ambire, se non per spirito autodistruttivo, con istinto di conservazione resta da chiarire per cosa Ella possa essere tramite, e in quale misura. Intendo dire, cerchiamo di venire a capo della vicenda: perché si diventa seri? Nella maggior parte dei casi mi si risponderà, perché la vita richiede serietà, per essere condotta a compimento proficuamente e pragmaticamente. In altre […]

    Leggi tutto »

  • Riguardo la “Scienza dell’Acqua”

    Riguardo la “Scienza dell’Acqua”

    Per cortesia non riferite il mio ozio svagato al tristo “bivacco”, anzi prendiamo principio da questa mia richiesta al fine di cominciare a discutere con serietà, e senz’altro con proprietà, del futuro che riusciamo a immaginare per noi stessi. “Bivaccare”, in vero, proviene dal tedesco: guardare presso un luogo, questa è la significazione, più o meno. Si badi bene però – ed è proprio questo il punto essenziale che mi costringe alla ripulsa – che il termine in questione non […]

    Leggi tutto »

  • passiamu #4 (Aprile)

    passiamu #4 (Aprile)

    Aprile, dolce dormire. Un motto a me indirizzato spesso, di cui ho un vago ricordo, come di parole nettate accidentalmente dalle contingenti lentezze del dormiveglia, opera di una coscienza ritenuta più effetto del miracolo che conseguenza della realtà, sorpresa a cogliere improvvidamente rimproveri provenienti dai tanti illustri docenti incontrati negli anni dell’insegnamento subìto. Esisterà poi davvero la coscienza? Vien da chiederselo, dopo un rapido zapping dei canali del digitale terrestre di prima generazione (a breve, pare, dovremo adeguarci ad un […]

    Leggi tutto »

  •  
 
 

Vertical Slideshow

Visite

  • 301 Moved Permanently
» wp.com stats helper

Nove & NoveTV

Iscritta presso il tribunale di Modica, n° di Iscrizione 2/2010.

Direttore Responsabile Carmelo Riccotti La Rocca.
Responsabile generale NoveTv, Giovanni Giannone

 
Testata iscritta presso il Tribunale di Modica,al n. 2/2010. Direttore Responsabile Carmelo Riccotti La Rocca